Imparare dagli attacchi terroristici senza precedenti del 7 ottobre per evitare future minacce alla sicurezza dei droni e definire le esigenze operative della tecnologia di contrasto ai droni.

Gli eventi del 7 ottobre 2023 hanno segnato un punto di svolta significativo nel panorama delle minacce alla sicurezza, sottolineando la necessità impellente di molti Paesi di adottare un approccio globale per quanto riguarda la tecnologia e la strategia di contrasto ai droni. In questo post del blog, analizzeremo le lezioni apprese dagli attacchi di Hamas del 7 ottobre, offrendo approfondimenti su ciò che si sarebbe potuto fare diversamente prima, sui requisiti operativi accentuati dagli attacchi e sui successivi sviluppi delle misure di contrasto ai droni.

Capire l'utilizzo dei droni illegali

Il preludio agli attacchi del 7 ottobre avrebbe potuto trarre grande beneficio da un'analisi più approfondita dei tipi di droni utilizzati da Hamas. Prevalentemente composti da droni disponibili in commercio, questi veicoli aerei senza pilota (UAV) hanno rappresentato una sfida particolare a causa della loro accessibilità e disponibilità diffusa. Conoscere in anticipo i tipi di droni presenti nello spazio aereo della Striscia di Gaza avrebbe potuto fornire un vantaggio tecnologico, soprattutto per quanto riguarda le soluzioni basate su librerie che avrebbero potuto testare i loro sistemi specificamente contro questi droni.

Sappiamo tutti che il numero di droni utilizzati in guerra è in aumento, ma i dati quantitativi non sono sufficienti. Per sviluppare una protezione accurata e affidabile, i fornitori di contro-droni basati su librerie devono ricercare i protocolli di comunicazione di ogni drone commerciale presente sul mercato. Sebbene l'intelligence sulle apparecchiature di Hamas rimanga riservata, è stata messa a disposizione di Sentrycs e di alcune altre aziende israeliane di C-UAS (Counter Unmanned Aircraft Systems) che la utilizzano per garantire che le loro soluzioni si adattino rapidamente e siano sempre pertinenti.

Geolocalizzazioni geoconfermate di origine UAV in Ucraina nel 2023

Fonte: Difesa espressa

Creazione di una mappa di calore delle attività dei droni sospetti

Misure di monitoraggio proattive, come la creazione di una mappa di calore dell'attività dei droni, avrebbero potuto servire come strategia preventiva cruciale. L'identificazione dei luoghi in cui questi droni sono stati fatti volare e la determinazione dei loro punti di origine avrebbero permesso una sorveglianza mirata e un dispiegamento di sicurezza in aree ad alto rischio. L'incapacità di farlo non fa che rafforzare l'attuale necessità per gli eserciti, la sicurezza interna e le forze dell'ordine di scrutare costantemente i cieli sopra le zone ad alto rischio, dove è probabile che emergano potenziali conflitti o che vengano presi di mira beni critici.

Fonte: DroneUA

Raccolta di informazioni e individuazione delle risorse

È fondamentale comprendere le capacità di raccolta di informazioni dei droni utilizzati dalle organizzazioni terroristiche e le risorse specifiche che prendono di mira. Si sarebbe potuta elaborare una strategia preventiva per prendere il controllo di alcuni dei droni di Hamas ed estrarre i filmati catturati per mettere in sicurezza luoghi sensibili e infrastrutture critiche sulla base di modelli di ricognizione identificati.

Tecnologia di contro-drone automatizzata e autonoma

Gli attacchi del 7 ottobre hanno sottolineato la necessità imperativa di una tecnologia avanzata di Counter-Unmanned Aerial Systems (C-UAS), che supporti l'intero ciclo di vita della sicurezza dei droni: dal rilevamento, al tracciamento, all'identificazione e infine alla mitigazione delle minacce dei droni. Tali sistemi, che operano in modo automatizzato e autonomo, possono individuare e neutralizzare rapidamente le minacce dei droni, riducendo al minimo il tempo di risposta dell'uomo. Entrambi i conflitti in Ucraina e nella Striscia di Gaza hanno dimostrato che l'autonomia 24 ore su 24, 7 giorni su 7, è una capacità indispensabile che consente ai soldati a terra di concentrarsi su altri compiti, invece di dover individuare e sparare ai droni sopra le loro teste.

Soluzioni di contro-drone che operano in ambienti rumorosi a radiofrequenza (RF)

Un'intuizione significativa dopo gli attacchi è stata l'importanza dei sistemi di contro-drone in grado di funzionare in ambienti rumorosi a radiofrequenza (RF). Non è un segreto che la guerra moderna coinvolga molte tecnologie di ogni tipo. Una tecnologia di contro-drone adattabile, in grado di navigare attraverso le interferenze, garantisce una difesa più resistente contro le minacce dei droni in evoluzione.

Distinguere tra amici e nemici

In particolare, gli attacchi del 7 ottobre e il successivo conflitto nella Striscia di Gaza - dove l'IDF ha utilizzato ampiamente i droni per la sorveglianza, l'identificazione di cellule terroristiche armate o gli attacchi - hanno sottolineato la necessità di sistemi in grado di distinguere accuratamente tra droni amici e ostili. Per evitare di colpire accidentalmente gli UAV autorizzati, compresi quelli operati dalle forze di sicurezza o dai civili, i sistemi di contro-drone devono possedere capacità di identificazione accurate.

Individuazione degli operatori dei droni attaccanti

Chiudere il cerchio identificando e localizzando gli operatori dietro i droni che attaccano è un imperativo per i fornitori di tecnologie di contrasto ai droni. Questa capacità non solo assicura una risposta rapida alla minaccia immediata, ma facilita anche le azioni legali contro i responsabili.

3. Dopo il 7 ottobre: adattamento e protezione

Protezione delle aree popolate

Gli attacchi sono serviti a ricordare l'urgente necessità di rafforzare le misure di sicurezza intorno alle aree popolate. Dato che alcuni di questi luoghi sono probabili obiettivi per gli attacchi dei droni, diventa essenziale dare priorità alle misure di protezione per i civili e le infrastrutture critiche. Anche la legislazione deve evolversi e concedere a un maggior numero di agenzie di sicurezza e di istituzioni private l'autorità di intervenire in tempo reale contro i droni anomali che minacciano le loro persone, i loro locali e i loro beni.

Adattamento costante alle nuove minacce

La natura in evoluzione della tecnologia dei droni richiede un impegno di adattamento costante. Le forze di sicurezza devono essere all'avanguardia rispetto alle minacce emergenti, investendo in ricerca e sviluppo, promuovendo l'innovazione e migliorando la tecnologia e le capacità di contrasto ai droni. Gli investimenti nei C-UAS devono aumentare più rapidamente di quelli nel mercato dei droni se vogliamo che l'intera economia dei droni cresca in modo sicuro. Come affermato nell'e-book del Joint Air Power Competence Center "Un approccio globale per contrastare i sistemi aerei senza equipaggio", non esiste una pallottola d'argento per i C-UAS. Per questo motivo, "per domare il problema dei C-UAS, l'unica possibilità è avere una comprensione profonda, anticipare le tendenze, immaginare lo stato finale desiderato e lavorare per raggiungerlo. Direi che la famosa "pallottola d'argento" è proprio questa: consapevolezza, sperimentazione, preparazione, cooperazione, coordinamento e capacità di adattamento."

Gli attacchi di Hamas del 7 ottobre hanno scatenato un cambiamento di paradigmaobbligando i governi e le agenzie di sicurezza a rivalutare le loro strategie di contrasto ai droni. Analizzando ciò che si sarebbe potuto fare in modo diverso, riconoscendo i requisiti operativi sottolineati dagli attacchi e adattandosi all'evoluzione del panorama successivo al 7 ottobre, possiamo costruire un quadro più resiliente per contrastare le future minacce dei droni. Il viaggio verso una strategia di contrasto ai droni solida e adattabile è un processo continuo che richiede collaborazione, innovazione e un impegno costante per salvaguardare le nostre comunità da sfide di sicurezza in continua evoluzione. Sentrycs si trova in una posizione ideale per guidare la carica nel mercato grazie alla sua elevata tecnologia adattiva, integrata e autonomabasato sull'analisi dei protocolli di comunicazione. Offre l'affidabilità e la precisione necessarie per operare in scenari militari e civili, distinguendo tra droni commerciali autorizzati e non.